Prototype

Piattaforme: PS3, X360, Microsoft Windows,
Genere: Azione
PEGI: 18+
Sviluppatore: Radical Entertainment
Distributore: Activision
Data uscita: 12 giugno 2009

Requisiti PC Consigliati dallo Sviluppatore:

Sistema Operativo: Windows Xp SP3 o superiore con DirectX 9 o superiore

Processore: Intel(R) Core(TM) 2 Duo 1.86 GHz oppure AMD Athlon(TM) 64 X2 4000+ o migliore

RAM:1 GB (Win XP) / 2 GB (Win Vista o superiore)

Scheda video: 256 MB  acceleratore hardware 3D  richiesto – 100% DirectX(R) 9.0c con Shader Model 3 support (NVIDIA(R) GeForce(TM) 7800 GT 256 MB e chipsets migliori / ATI Radeon(TM) X1800 256 MB e chipsets migliori)

HDD: 8 GB + 500 MB ca per SWAP

Connessione Internet: //

Fonte: SystemRequirementsLab

VERSIONE TESTATA DA ISOBEKIM: Xbox360

Il gioco si presenta con una storia molto intrecciata e all’inizio incomprensibile dove va scoperta la verità sul passato del protagonista (Alex Mercer) a cui è stata cancellata.

Per andare avanti nel gioco e scoprire le verità celate bisogna consumare i cosiddetti bersagli della “trama degli intrighi” ossia persone che hanno avuto a che fare con la vita passata di Alex. Il gameplay è a mio dire molto divertente perché propone un set di mosse abbastanza semplici che permettono di creare combo utili a vincere durante le varie battaglie presenti nel gioco. Inoltre la parte divertente è la “corsa” senza ostacoli che possano resistere al protagonista, infatti è possibile ad esempio percorrere in verticale i palazzi e grattacieli. La storia oltre ad avere come missione principale “Il passato di Alex” offre anche sfide libere che non necessariamente mandano avanti la trama degli intrighi. Il gioco permette poi, di potenziare il personaggio, rendendolo così più vicino all’impronta del giocatore poiché lui stesso può decidere in base alle proprie abilità cosa migliorare. Il personaggio dispone infatti di poteri dati dalla sua “mutazione” che possono essere potenziati e sono: “una lama, degli affilati artigli, una frusta, pugni martello, massa muscolare, ed altre combinazioni”. Durante le mie partite a Prototype però, ho notato come il gioco permetta sì di far scegliere liberamente (esclusi i potenziamenti necessari per le sfide) al giocatore i potenziamenti, ma rende praticamente impossibile vincere alcuni scontri se non si potenzia le mosse tra una sconfitta e l’altra. Sono convinto che le ore di gioco,a difficoltà normale, sono state ben distribuite tra sfide e missione principale rendendo anche stuzzicante e piacevole, accendere la console per giocarci ore e ore. Anche se ho completato la storia principale sono certo che non mancherà l’occasione di prendere i punteggi migliori (bronzo, argento e oro) a tutte le sfide secondarie del gioco.

Vi lascio con uno screen durante una corsetta innocente su un palazzo 🙂

Alex Mercer mentre percorre in verticale un palazzo – http://www.ludomedia.it/upload/screens/xbox360/760/prototype-2.jpg

Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

  1. Yooshi ha detto:

    Nonostante la recensione sul gioco sia stata fatta bene, volevo evidenziare piccoli punti non trattati nel testo, ma di fondamentale importanza secondo il mio parere.
    Per esempio una pecca è stata quella di non aver sottolineato i modi in cui si possono uccidere i nemici.
    Mi spiego meglio: leggendo la recensione non posso capire se comprando il gioco io avrò a che fare con un TPS o se il gioco è un “Open world” o se il protagonista usa armi o abbia poteri mistici. Per il resto bella recensione e bel sito.

    • Michael ha detto:

      Ciao Yooshi,
      allora Alex Mercer, il protagonista, ha diversi poteri che possono essere intesi come armi!
      Ha diversi poteri tutti a che fare con la sua “mutazione genetica”!
      I suoi poteri principali sono: una lama, degli affilati artigli, una frusta, pugni martello, massa muscolare.

      Ora aggiorno la recensione con i tuoi consigli!
      Se vuoi comprare un gioco, questo è molto stuzzicante 😉

      P.S. Se ti piace il sito, la/e recensione/i CONDIVIDI 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *